Chef Carlo Le Rose: l’esperienza in Accademia e la costante ricerca della perfezione culinaria

//Chef Carlo Le Rose: l’esperienza in Accademia e la costante ricerca della perfezione culinaria

Per l’Accademia Italiana Chef la formazione degli allievi è una vera e propria passione: seguirli nel loro percorso formativo e vederli crescere personalmente e professionalmente sono dei fattori molto importanti ai quali tutti noi teniamo profondamente. Spesso chi sceglie la nostra Scuola di Cucina ha infatti un desiderio ed un progetto di vita: trasformare una passione in un futuro. Per questo amiamo restare in contatto con i nostri allievi e conoscerne le evoluzioni professionali in campo culinario. E’ una vera soddisfazione per noi e una importante testimonianza per chi desidera intraprendere un percorso accademico e vuole saperne di più da chi ha già provato l’esperienza. Ecco perché oggi vi parliamo dello Chef Carlo le Rose, diplomato con il massimo dei voti al Corso di Chef professionista nel 2015 e dal quel momento protagonista si una scalata verso la vetta del successo.

Chef Carlo Le Rose e le origini della passione per la cucina

Chef Carlo Le RoseLa voglia di esprimermi nel mondo della ristorazione nasce da bambino, quando, osservando mia nonna in cucina, ho capito che oltre alla preparazione di un piatto, c’era molto di più – ci racconta Carlo – c’era amore, passione e dedizione   nell’ essere   al   servizio degli altri per far sì che potessero stare bene a tavola con del buon cibo“.

Carlo cresce e decide di frequentare la  scuola alberghiera. Inizia il suo percorso di studio, e di pari passo iniziano le sue esperienze lavorative stagionali. Carlo cambia regione, si traferisce a Firenze e comincia a lavorare i n Hotel e Ristoranti di spessore, nutrendo la sua passione e scoprendo nuove dimensioni di cucina.

Dopo l’esperienza fiorentina, Carlo decide di intraprendere un percorso di studio e lavoro in Scozia e dopo un anno decide di tornare a Firenze ed accettare la posizione di secondo Responsabile di Cucina in un rinomato ristorante. E’ grazie a questa opportunità che Carlo sente che ha finalmente trovato la sua strada. Inizia a sommare esperienze su esperienze, ma non si sente arrivato.

“Per avere una marcia in più, bisogna mettersi in gioco”

Carlo desidera affinare ancor le sue tecniche culinarie e decide di frequentare l’Accademia Italiana Chef di Empoli. “In Accademia acquisisco tante nuove informazioni teoriche-pratiche e mi diplomo con il massimo dei voti” Da questo momento inizia una vera escalation nel mondo professionale. Carlo ci racconta le sue esperienze e dice “L’Accademia Italiana Chef per me è stato un trampolino di lancio che mi ha aperto le porte del lavoro e della voglia di perfezionarmi. Per avere una marcia in più, bisogna sempre mettersi in gioco”

La cucina Gluten Free per lo Chef Carlo Le Rose: da oggetto di sfida a faro della professione

Dopo le due esperienze formative Carlo Le Rose si trasferisce a Rimini per lavoro ed accetta la proposta di gestire la cucina senza glutine di un Hotel. Si tratta di una cucina perlopiù sconosciuta a Carlo, ma non si arrende e decide di affrontare la sfida. L’inizio è impegnativo. Carlo si trova a confrontarsi con dinamiche particolari e regole ferree, ma non si arrende. E’ proprio la complessità del lavoro che lo affascina e lo sprona a migliorarsi con costanza.

Negli anni la cucina senza glutine diventa il mio fiore all’occhiello – ci dice – fino ad essere oggetto di una mia idea di cucina che chiamo puntuale-popolare

Con gli anni Carlo entra nel circuito del Glutenfree expo, annovera esperienze al sigep e partecipa a numerose fiere sul territorio nazionale, affermandosi e trasmettendo con passione e competenza nuove tecniche di preparazione della cucina senza glutine.
Carlo continua a studiare e lavorare sodo, scrive ricette senza glutine per molte riviste del settore, impartisce corsi e consulenze.
Oggi Carlo Le Rose è store manager del punto vendita di Rimini di “Na Pizz” e porta avanti i suoi progetti culinari, senza abbandonare la formazione in manager della ristorazione a Parma.