Scuola di Cucina: Il Pizzaiolo e’ un mestiere che si contrappone con forza alla crisi!

//Scuola di Cucina: Il Pizzaiolo e’ un mestiere che si contrappone con forza alla crisi!

Riportiamo l’articolo di Panorama Chef che ci sembra utile e completo per chiunque voglia cominciare questa meravigliosa carriera.
—————————————————————————————————————————————————————-

Crisi dei consumi, ma la pizza rimane ancora un porto sicuro, come recitano articoli del Corriere della Sera e della FIPE (Federazione Italiana Pubblici Esercizi). La pizza è una delle scelte maggiormente in voga per chi, anche in momenti di crisi, non vuole rinunciare a mangiare fuoricasa. Questo ovviamente favorisce enormemente i professionisti del settore e l’apertura di nuove pizzerie spicca il volo.

Ovviamente la crisi non risparmia nessuno, ma il settore continua a resistere con più vigore rispetto alle altre attività della ristorazione. Una serata in pizzeria è considerata ormai un appuntamento settimanale per gli italiani, giovani e meno giovani, e una scelta per coloro che non vogliono rinunciare ad una cena fuori casa.

UN LAVORO IN CONTROTENDENZA? IL PIZZAIOLO PROFESSIONISTA

Siamo il paese che ha inventato la pizza e che orgogliosamente negli anni l’ha esportata in tutto il mondo facendone uno dei principali prodotti italiani d’eccellenza.
Eppure in Italia mancano 6000 pizzaioli!
Ad evidenziare questo dato è la Confcommercio che denuncia come nonostante ci siano più di 5 milioni di disoccupati in Italia, pizzerie e ristoranti facciano fatica a trovare Pizzaioli Professionisti provenienti da una scuola di cucina professionale e siano pertanto costretti ad accontentarsi di personale poco qualificato da formare.
Il Pizzaiolo è quindi, tra le professioni della ristorazione, una delle più ricercate del momento. Dentro le pizzerie o sfogliando gli annunci, è possibile trovare molte offerte rivolte a questa figura e, nonostante il periodo di crisi, non è sempre facile per gli operatori reperire risorse qualificate.

LE CAPACITA’ RICHIESTE

3Per “risorsa qualificata” si intende una figura professionale che, alle conoscenze strettamente tecniche su ingredienti, dosi, cottura, norme igieniche e attrezzature, è in grado di unire una serie di fattori di rilievo.
Un buon pizzaiolo deve avere voglia di imparare, deve avere estro, capacità organizzativa, deve avere un buon spirito di adattamento e una buona capacità di lavorare in gruppo. Deve essere veloce e preciso e deve sapersi destreggiare in caso di problemi legati al guasto di attrezzature e al cambiamento atmosferico (fattore di enorme rilievo per la buona riuscita di un impasto). Deve inoltre avere una discreta resistenza fisica: quello del pizzaiolo è un lavoro intenso: nei momenti di punta deve essere in grado di produrre fino a 60 pizze l’ora.

DIPENDENTE O IMPRENDITORE?

L’attività di Pizzaiolo può essere svolta come dipendente, oppure autonomamente. Se si svolge l’attività in maniera autonoma, il pizzaiolo dovrà provvedere anche alla gestione amministrativa, fiscale, dovrà curare i rapporti con i fornitori e con la clientela. Il vantaggio e la potenzialità di diventare Pizzaioli Professionisti è quello di trasformarsi da subito in imprenditori di se stessi e con una buona dose di volontà ed iniziativa imprenditoriale, trasformare una professione in un’impresa molto redditizia.

CHI DIVENTA PIZZAIOLO PUO’ TROVARE FACILMENTE UN LAVORO

7Dati FIPE ( Federazione Italiana Pubblici Esercizi) alla mano, gli sbocchi professionali per un pizzaiolo sono garantiti da:

– 25000 pizzerie con servizio al tavolo;
– oltre 16000 pizzerie a taglio;
– navi da crociera;
– villaggi turistici dove vi è una forte richiesta di pizzaioli;
– grandi catene alberghiere;
– fast-food all’italiana.

QUALCHE DATO IN PIU’ PER L’ITALIA E PER L’ESTERO

Da una studio elaborato dalla FIPE le pizzerie rappresentano circa il 25% degli esercizi a carattere ristorativo. Al fianco delle oltre 25.000 pizzerie ( con 150mila addetti e un volume d’affari annuo di 5,3 miliardi di euro) troviamo 69.000 ristoranti tradizionali, 6.500 ristoranti top e 5.000 facenti capo alla categoria denominata “moderna”.
Coloro che invece vogliono trasferirsi all’estero, non hanno che l’imbarazzo della scelta: la pizza, questo prodotto figlio di un dedalo di viuzze napoletane, è divenuta ormai un vero PRODOTTO GLOBALE e la figura del pizzaiolo, per lo più italiano, è sempre richiestissima in tutto il mondo.

IN POCHI PUNTI, COSA DEVE SAPERE UN PIZZAIOLO PROFESSIONISTA?

8Tralasciando gli aspetti imprenditoriali, un pizzaiolo deve conoscere:

– tutti i tipi di farine (light, integrale, rinforzata), l’acqua, il lievito, il sale, ma soprattutto il loro dosaggio, per ottenere un impasto di qualità e che lieviti nel modo giusto, con una ricetta che possa essere corretta seguendo le variazioni del tempo atmosferico e della stagione;
– il modo di manipolare, dosare e utilizzare gli ingredienti per creare diversi tipi di impasti (sottile, alta, tirata, morbida), a seconda dei gusti dei clienti.
– come manipolare la pizza e i prodotti utilizzati per il condimento, nonché i loro abbinamenti;
– le tecniche di cottura a seconda dei vari tipi di forno;
– le attrezzature usate (forno a gas, elettrico, a legna) e come provvedere alla loro manutenzione ordinaria;
– la legislazione igienico sanitaria, di sicurezza sul lavoro, delle tecniche di conservazione degli alimenti e di elementi di gestione aziendale;
– a seconda della clientela e del giorno settimanale, deve sapere organizzare la quantità di impasto da preparare.

QUANTO GUADAGNA UN PIZZAIOLO PROFESSIONISTA?

I pizzaioli professionisti in genere sono ben retribuiti, anche se i loro guadagni restano sempre e comunque proporzionati alle ore di lavoro e, soprattutto, alla qualità di ciò che producono. Naturalmente si lavora molto soprattutto nel week-end (venerdì, sabato e domenica sera) e nei giorni festivi e questo è uno dei motivi per i quali in molti non sono disposti a fare i sacrifici richiesti da questo mestiere.
Come si legge all’inizio, lo stipendio di un apprendista pizzaiolo è di circa 800 euro al mese, mentre dopo qualche anno di esperienza può raggiungere anche i 2.800 -3.000 euro.

E UN PIZZAIOLO INTERESSATO AD APRIRE UNA PIZZERIA PER CONTO PROPRIO?

Le pizzerie sono un distintivo del ‘made in Italy’ che, nonostante i cambiamenti degli ultimi anni, (la consegna a domicilio, l’avvento delle grandi catene in franchising, locali etnici e fast food, in particolare quelle straniere, ecc.) sembra non conoscere crisi e continua a mantenere il primato nel suo segmento commerciale.
Il costo delle materie prime necessarie per la preparazione dei prodotti ha una bassa incidenza sul prezzo di vendita. Avviare una pizzeria, o magari solo un piccolo laboratorio che fa pizza al taglio o d’asporto, rappresenta quindi una buona opportunità di business, visto che la materia prima ha costi relativamente contenuti e il margine di guadagno può essere davvero interessante, soprattutto se si è in grado di proporre servizio e prodotti di qualità e se si possiede la giusta dose di intraprendenza e creatività.

Fonte: Panorama Chef, Magazine della ristorazione professionale.

>>> GUARDA IL PROGRAMMA DEL CORSO DI PIZZAIOLO PROFESSIONISTA

>>> COMPILA ORA IL FORM DI RICHIESTA INFORMAZIONI 

———————————————————————————————————————————–
Il Pizzaiolo, un mestiere che si contrappone con forza alla crisi! Puoi approfittarne proprio adesso partecipando al prossimo corso in programma. CONSULTA IL CALENDARIO della scuola di cucina!

Scuola di Cucina: Il Pizzaiolo e’ un mestiere che si contrappone con forza alla crisi! ultima modifica: 2013-06-27T23:57:46+02:00 da beppe

CORSI DI CUCINA
MILANO

CORSI DI CUCINA
ROMA

CORSI DI CUCINA
BOLOGNA

CORSI DI CUCINA
TORINO